18 Settembre 2006: L’arrivo a Messina

Ero in stazione, attendevo il treno per Messina, mancava ancora mezzora.

Mi separo da mio fratello, diretto a Patti, e proseguo fino al binario; poggio lo zaino e il basso su una panchina e mi guardo intorno; la stazione era deserta.

Faccio due passi, non avvisto nessuno eccezion fatta per dei fortissimi lampi che ogni tanto illuminavano per un secondo il nero cielo che mi sovrastava, che ovviamente erano seguiti da tuoni che spezzavano il silenzio che pervadeva nella stazione.

Quell’atmosfera (adattissima ad un gioco horror come Silent Hill) stranamente mi faceva sentire a mio agio: sembrava una concretizzazione del mio stato d’animo.

Mi annoio, mi alzo, faccio due video col cellulare.

Annuncio del ritardo di 20 minuti, fantastico.

Improvvisamente arriva un tizio e si siede sulla mia stessa panchina.

Faccio una foto nel tentativo di immortalare la stazione illuminata da un lampo; non ci riesco, la (schifosa) fotocamera di questo (stupendo) cellulare non poteva captarlo.

Il tizio si alza in piedi e segue il mio esempio, quasi a volersi vantare della sua fotocamera digitale.

Ci scambiamo un sorriso telepatico.

La metà superiore del mio corpo si accascia sulla panchina; uso il basso come cuscino mentre ascolto la compilation nel mio lettore mp3, creata accuratamente in fretta e furia.

I tuoni si fanno più forti.

Sospetto che abbia iniziato a piovere, la temperatura si abbassa.

Mi alzo nuovamente in piedi, il tizio è ancora accanto a me, ma il treno sta arrivando.

Arrivo a Messina, mentre cerco mia zia strani pensieri invadono la mia mente; conoscevo già quella città, ci avevo vissuto per una decina d’anni, eppure mi sentivo in un posto nuovo, come se la mia vita da quel momento in poi sarebbe cambiata radicalmente…


(Foto della stazione deserta…scattata sempre col cellulare)

Questa voce è stata pubblicata in Introspezioni. Contrassegna il permalink.

5 risposte a 18 Settembre 2006: L’arrivo a Messina

  1. Alice ha detto:

    Mi piace moltissimo come hai descritto quello che hai fatto, una cosa quasi banale e tragica l\’hai trasformata in qualcosa di importante e profondo!Spero che ti troverai bene.ti voglio bene.
    Aly

  2. anita ha detto:

    eheheh grazie mille x essere passato:°)mi fa piacere…ke bello ciò che hai scritto..la kanzone [di metal gear solid??]poi è ottima come colonna sonora delle tue parole..mi fa piacere se ripasserai:)

  3. anita ha detto:

    ahahah no io sn una frana a quel giuokino!sigh sigh..uhm me la consigli una bella kanzone:D?

  4. Doniah ha detto:

    ecco cos\’era quell\’atmosfera spettrale ke mi hai scritto nel mess………tvb

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...