Stesse stelle, nuova luce

Eccomi qui gente, scrivo dal mio nuovo MacBook che ho da poco meno di una settimana.
Questo mesetto a Milano è stato molto bello, e ho potuto fare parecchie scoperte interessanti riguardanti la vita da soli.
Milano è un posto che mi garba molto e spero di poterci rimanere il più a lungo possibile. Mi ci sono ambientato in fretta ma diciamo che ancora non ho trovato una piena stabilità.
I bisogni primari comunque (ossia mangiare, dormire e visitare il sito di Smash) sono riuscito a svolgerli in maniera efficace, provando a me stesso che non solo vivere da soli è più facile di quel che sembra, ma anche molto più piacevole.
Lontano dal mio basso, ho passato diverse ore ad affinare la mia abilità con Osu! Tatakae! Ouendan e Daigasso! Band-Brothers, giochi musicali davvero di spessore (ma il primo corrisponde più ad una droga).
Poichè non avevo spesso modo di connettermi ad internet per fare le mie solite attività quotidiane, mi sono ricongiunto con quella che è la mia vera natura, ossia quella di videogiocatore. Grazie all’R4 e al DS ho potuto avere una buona varietà di giochi più o meno seri per intrattenermi in ogni momento della giornata che lo richiedesse. Il famoso Metroid Prime 3: Corruption che, se ben ricordate, comprai al Lucca Comics, è stato un piacevole compagno di giochi casalingo (sebbene spesso il DS è risultato più comodo), ma purtroppo nemmeno la modalità Esperto mi ha fornito una grandissima sfida; magari inizierò il gioco in Ipermodalità più avanti, ma credo che appena potrò ricongiungermi col mio Wii (attualmente a Milano) il mio primo ed unico pensiero sarà Super Mario Galaxy, che posseggo da diverse settimane ma non ho ancora potuto provare in quanto, avendolo acquisato da eBay, è arrivato in quello che al momento della transazione era il mio domicilio, ossia qui in Sicilia.
Per il resto, devo dire che mi sono rapidamente abituato ad un sacco di cose che per me erano una novità assoluta, e ho fatto diverse scoperte come ad esempio Virgin Radio, la nebbia smogosa, i Sudoku Killer, la raccolta differenziata, la necessità di chiudere la porta a chiave, gli spacciatori che mi chiedono se voglio qualcosa quando sono a piedi di notte, il kebab dove ti regalano una consumazione ogni 10 effettuate, le borse della spesa a pagamento ed il famoso pastone che sa di messicano (ma corrode l’acciaio).
Ma comunque non sono molto bravo a parlare di me nel quotidiano, sarebbe preferibile che i curiosi mi facciano qualche domanda specifica se vogliono saperne di più.

Il 20 sono tornato qui, nel paese che ho detestato per 9 anni. Una delle prime cose a cui ho fatto caso è stata il cielo stellato; a Milano di notte si può osservare uno strano cielo rossastro, causato dalle luci della città che si riflettono nello smog, un paesaggio surreale e vagamente affascinante, ma probabilmente meno di quanto lo sia un cielo stellato. Finalmente comunque posso guardare con occhi diversi questo postaccio, con un’aria di superiorità ed un po’ di pena per coloro che vivono ancora qui. Difatti se non sono a Milano in questo momento non è di certo per nostalgia del mio paese; al massimo, nostalgia di casa, in quanto essa contiene la mia camera, che a sua volta contiene il mio PC. A proposito, ho deciso di lasciar perdere la formattazione del mio vecchio PC e di rimandarla ad Agosto visto che in quel periodo dovrei tornare qui sull’isola; nel frattempo installerò Windows XP in una partizione di questo MacBook, per poter eseguire programmi importanti tipo la serie Windows Live o eventualmente qualche giochino.
Sono contento di avere un Mac, simboleggia un cambiamento nella mia vita; qui avevo Windows, lì a Milano avrò il Mac. Un ennesimo punto di svolta per il sottoscritto, anche se continuo a trovarmi meglio nella macchinosità di Windows che nella eccessiva semplicità del Mac, onde per cui non vedo l’ora di potervi installare Windows in un’altra partizione.
Ho anche comprato un’iPod Nano, molto carino e decisamente utile per chi fa un utilizzo così massiccio della musica. Tra l’altro, dopo qualche giornata di sbattimenti, sono anche riuscito a sincronizzarlo con il mio account Last.FM, quindi (in teoria) anche gli ascolti che faccio con il suddetto iPod dovrebbero risultare nel mio profilo d’ora in poi.

 

 

Ah vi informo che il mio cellulare non è ancora stato riparato (il centro TIM non è bastato, per cui dovrò cercare un centro Nokia), indi vi invito a continuare a pazientare o a scrivermi via mail, evitando gli SMS e soprattutto gli squilli.


 

Quest’anno il Natale è stato molto astratto e, sebbene non mi abbia per nulla infastidito, alquanto vuoto. Mi è venuto molto poco spontaneo fare gli auguri e quindi il non averne ricevuti tanti non mi è pesato affatto. Le reazioni poi sono sempre imprevedibili (come del resto lo erano quelle dell’anno scorso, con gente che odia il natale e rifiuta gli auguri o che mi viene a rompere il cazzo sul perchè festeggio il Natale pur non essendo credente.
Quest’anno quindi proporrò i miei auguri in una maniera un po’ inconsueta.

 

 


Auguri a chi li desidera!
(qualora non li desideraste, siete pregati di ignorare il precedente messaggio)

Questa voce è stata pubblicata in Storie di vita vissuta. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Stesse stelle, nuova luce

  1. Alice ha detto:

    Heilà!Eh si, credo che non vedrai facilmente le stelle, è capitato spesso di viaggiare in autostrada e vedere in lontananza la città di Milano ricoperta da una nube così nera che faceva paura, chissà quanta merda respiriamo XD.Sono felice che a Milano ti trovi bene, vedrai che si risolverà anche quello di cui parlavamo ieri sera.Accetto gli auguri e li ricambio!!(non capisco come tante persone abbiano il coraggio di romperti così tanto le palle!)Ti voglio beneAly

  2. Maura ha detto:

    Mhmh,Beh,Se sei fortunato forse scambi un qualke aereo x una stella XD
    Cmq quando nn sai cosa fare gira Milano ke ha molte cose interessanti da vedere..
    (ora nn mi vengono in mente XD)
    E…Niente…
    Ciau Ciau Ciau =)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...