News: 3D+DS=3DS?

Articolo scritto per Checkpoint Café, originale reperibile qui.

 

Ammetto che dopo aver visto la notizia ho inizialmente pensato ad una bufala, un pesce d’aprile anticipato. Ma così non è, diversi siti hanno già confermato la notizia: Nintendo ha oggi annunciato, dopo una serie infinita di rumor e smentite, il primo vero successore del Nintendo DS, l’adorata console portatile che mi ha tenuto compagnia negli ultimi 5-6 anni. Il suo nome è attualmente 3DS, ma probabilmente verrà modificato in futuro.

Cominciamo con il dire ciò che si sa:
-Offrirà dei giochi in 3D senza l’ausilio dei celebri occhialini
-Retrocompatibilità per i titoli DS e DSi

La mia opinione? Non ne sentivo la necessità.
Mi spiego meglio: il DS è una console che ha offerto tanto e che, a mio parere, può ancora dare molto. Un gamer di larghe vedute come il sottoscritto non può che trovarsi soddisfatto innanzi all’immensa varietà di videogame offerta dal DS, al punto che sono da tempo dell’opinione che si tratti della migliore console attualmente in circolazione.
Ma comunque sono passati parecchi anni dal lancio, ed ha (ahimè) parecchio senso prospettare di rilasciare nel 2011 un successore per una console così anziana.

Passando alle (ben poche) specifiche tecniche, viene voglia di baciare il terreno sentendo parlare di retrocompatibilità, proprio per l’immensità di titoli per la console precedente; una mossa già collaudata, che sicuramente sarà apprezzata sia da chi ha già avuto un DS, sia per i futuri acquirenti che potrebbero aver voglia di “retrogaming”.
Per quanto riguarda questa improvvisa “corsa al 3D” che sembra stiano facendo tutti, mi viene da chiedermi “Ma è davvero così importante?”; sembra che il 3D sia ormai concepito come il futuro, ma se posso esprimere la mia, ci sono buone possibilità che si tratti solo di una moda passeggera, che verrà presto rimpiazzata dall’avvento di qualche nuova tecnologia. Magari mi sbaglio, ma non credo che sarà necessariamente il percorso evolutivo che percorreranno i media dalla prossima generazione in poi.
Inoltre, nonostante l’idea di un 3D senza occhialini possa far fantasticare a volontà il mio cervellino scarsamente preparato sull’argomento, mi piace mantenere i piedi per terra e non aspettarmi miracoli tecnologici…per ora.
E pensare che una volta la corsa al 3D era ben altra cosa…

Più comprensibile e facilmente immaginabile invece l’idea di “motion control”, che Nintendo diceva di voler implementare in un DS2, ma niente conferme al momento.

Secondo i rumor degli ultimi tempi, il “DS2” avrebbe avuto circa la potenza di un GameCube, arrivando quindi (a rigor di logica) a superare la già strabiliante PSP, graficamente più vicina ad una PS2 che ad una PS1.
Se tutto ciò fosse vero, avremmo una console portatile dalle ottime premesse: potente, retrocompatibile e innovativa.

Se devo essere sincero non mi esalta l’idea di un’altra console, proprio per il gran numero di giochi su DS che ancora non ho degnato d’attenzione, però sono conscio del fatto che alla fine sarà, con tutta probabilità, l’ennesimo acquisto obbligato.
Prima o poi avrei voluto pensionare il mio DS ciccio che, per quanto sia ancora perfettamente funzionante, è usurato, consunto, vissuto. Viste le alternative, prendere un altro DS ciccio non mi è mai sembrata una grande idea, da qui nasceva l’indecisione:
DSlite: migliore, un po’ di paura che non mi trovi altrettanto bene a livello di impugnatura, ma mi da tutte le possibilità che l’attuale DS da.
DSi: bello, utilizzabile per i giochi DSi, ma non per i giochi GBA (e quelli che sfruttano lo slot-2).
DSiXL: ok è grosso, ma non è detto che sia un male, dovrei averne uno tra le mani per giudicare.
il 3DS tecnicamente risolve il problema, visto che la retrocompatibilità facilita il salto generazionale, in quanto acquistandolo avrò la possibilità di giocare anche tutti gli ipotetici bei titoli only DSi (dico ipotetici perché non mi ci sono informato molto), più naturalmente quelli nuovi.

Tornando indietro nel tempo, ciò che mi spinse ad ignorare lo scetticismo per le console portatili ed acquistare il Nintendo DS non fu il doppio schermo o tantomeno la possibilità di usare un pennino su quello inferiore; fu invece qualche gioco particolarmente attraente, come New Super Mario Bros., di cui per qualche ragione sentivo una forte necessità, oltre alla consapevolezza che la serie di Pokémon si sarebbe trasferita lì in futuro. E diamine se s’è rivelato un buon investimento: inizialmente lo degnavo di scarsa attenzione, utilizzandolo di rado, ma quando ho avuto la reale necessità di una console portatile ho cominciato a farne un uso massiccio, e man mano che i giochi arrivavano mi rendevo conto di quanto potenziale ci fosse.
Dunque parlare dell’acquisto di una console che non ha nemmeno un gioco (e nemmeno un nome definitivo), è prematuro. Anche se erh…la quinta generazione Pokémon è già di per sé un grande incentivo per quanto mi riguarda.

E se da una parte c’è il timore che uno scempio come il Virtual Boy possa ripetersi (Satoru Iwata aveva detto tempo fa che gli effetti del prolungato uso del 3D andavano studiati), dall’altra comincio a chiedermi “Ma questa console quanto costerà?”. Solo il tempo risponderà alle nostre domande.
Geez, il prossimo E3 si prospetta parecchio interessante.

Questa voce è stata pubblicata in Checkpoint Café. Contrassegna il permalink.

2 risposte a News: 3D+DS=3DS?

  1. Francesco ''Frash'' ha detto:

    Fico! Se non fosse per te, Dun, non l\’avrei mai saputo!

  2. Riccardo ha detto:

    Probabilmente lo mostreranno all\’E3 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...